Tecnologia in viaggio: cosa porto sempre con me.

Tecnologia in viaggio: cosa porto sempre con me3 min read

La tecnologia in viaggio? Io non ci rinuncerei mai e tu?

In questo articolo ti svelerò cosa porto con me in ogni mia destinazione.

Tecnologia in viaggio: a cosa non rinuncio mai

Tramite il blog e il nostro profilo Instagram mi stai conoscendo. Sai bene che la fotografia è il modo più semplice per farti viaggiare insieme a me.

Ecco perché non rinuncerei mai alla mia reflex: una Nikon D5500 (LINK) che porto sempre al collo. Piccola, leggera, con display orientabile e connessione Wi-Fi così da poter trasferire le foto scattate sul mio smartphone e condividerle anche in viaggio.

Attualmente le ottiche che mi accompagnano in ogni mia meta sono:

  • un Sigma 10-20mm f 3.5: un buon obbiettivo, grandangolare, ottimo per i panorami e per scattare foto da una prospettiva interessante (LINK);
  • un Sigma 17-50mm f 2.8: obbiettivo abbastanza luminoso. Ottimo per i ritratti ma anche per la street photography (LINK); mi piacerebbe sostituirlo con il più versatile 24/70 f 2.8 (LINK) ma al momento le mie finanze non me lo consentono;
  • un Nikon 50mm f 1.8: un must have per ogni fotografo. Molto luminoso. Ideale per i ritratti con un piacevole effetto bokeh (LINK).

Io scatto tanto, forse troppo. Ecco perché ho bisogno sempre più di una batteria per la mia reflex. Ho acquistato una batteria compatibile con la mia Nikon della Patona che porto carica sempre con me. A mio avviso ha una durata paragonabile a quella originale (LINK).

Indispensabile per le foto in notturna e non solo i due treppiedi che porto sempre nello zaino:

  • un Manfrotto MTPIXI-B: piccolo treppiede leggero, facile da usare e comodo da trasportare (LINK);

  • un Andoer Q-666 Pro: il cavalletto definitivo per ogni mio viaggio. In alluminio, non troppo pesante (1,8Kg) e molto stabile. Facile da trasportare. Chiuso è appena 36 cm. L’altezza massima è di 1,53mt (LINK).

Alternativa economica al treppiede Andoer è il cavalletto della Zecti ZT-015 che abbiamo avuto modo di testare (LINK). L’ideale per chi non vuole rinunciare ad un treppiedi leggero e pratico da trasportare senza spendere oltre i 50€. Qui la recensione.

Un action cam sicuramente non può mancare nella mia valigia. Da qualche anno utilizzo una GoPro 4 Silver (LINK). Piccola, leggera, ottima resa e con display.

Ora non voglio credere che ancora non hai visto i video dei nostri viaggi, ma se te li sei persi ti consiglio di dare un occhio al mio canale YouTube: TripLife. Fammi sapere nei commenti cosa ne pensi!

Gli accessori che maggiormente utilizzo per la mia GoPro sono:

  • un Joby GorillaPod: treppiede piccolo e molto versatile. Avrai la possibilità di attaccare la GoPro praticamente ovunque (LINK).
  • un GoPro Floaty: in pratica è un galleggiante che si incolla allo sportello del case stagno tramite adesivo industriale 3M. Ottimo per usare la vostra GoPro in acqua (LINK).

Sia per la mia Nikon D5500 che per la GoPro utilizzo solo schede di memoria SanDisk Extreme: con queste schede di memoria non avrai problemi a registrare video in 4K (LINK).

Ultimo accessorio che non manca mai in ogni mio viaggio è la batteria esterna Anker PowerCore 20000. E’ più probabile che lasci a casa i biglietti aerei che questa batteria da ben 20.000 mAh. Forse per alcuni potrebbe risultare pesante o ingombrante, ma per le mie esigenze è l’ideale: durata infinta e ricarica veloce (LINK).

Tutti i prodotti menzionati, ad eccezione dei cavalletti, li porto sempre con me nel bagaglio a mano e mai in stiva.

Ah dimenticavo il mio MacBook Air.

Beh questo sono “costretto” a lasciarlo a casa…Ilaria potrebbe uccidermi se portassi con me anche il portatile in ogni mio viaggio.

 

 

 

Vede la vita come un pirotecnico gioco. Spesso si affida al caso. Passeggero della Terra.

Lascia un commento

Shares