Visitare a Bali

5 buoni motivi per visitare Bali quest’estate4 min read

Bali è un posto magico come pochi al mondo!

Ci sono posti al mondo che vale la pena vedere almeno una volta nella vita e visitare Bali rientra nelle prime posizioni della mia personalissima classifica.

Dalla natura rigogliosa alla fitta giungla che ricopre le pendici dei vulcani, dai sorrisi dei balinesi ai numerosi templi sparsi su tutta l’isola, dalle risaie dalle strane forme geometriche ai tramonti in spiaggia con il sole che cala a picco sul mare, Bali riesciurà a soddisfare tutti e cinque i vostri sensi.

Potrei elencarvi tanti motivi per invogliarvi a visitare Bali ma sono sicuro che ne basteranno soltanto 5 per convincervi a partire!

5 motivi per partire alla scoperta di Bali

1. Religione

Ebbene sì, vi posso assicurare che la religione induista rientra tra i 5 motivi per visitare Bali. L’induismo più che una religione è un modo di vivere. Un modo di vivere che è facilmente riconoscibile nella vita dei balinesi che hanno ormai assorbito la positività e l’energia che emana quest’isola. A Bali troverete persone disponibili, accoglienti e sempre pronte a regalarvi un sorriso.

Durante il mio viaggio a Bali chiesi ad un ragazzo balinese perché sorridesse così tanto e sapete cosa mi rispose?

“Sorrido perché oggi non è successo nulla di male.”

Visitare Bali

2. Bagnarsi nelle acque sacre del Tirta Empul

I tempi induisti sono dei luoghi di incontro tra il devoto e Dio. A differenza delle chiese cristiane, non sempre sono luoghi chiusi. La maggior parte dei tempi a Bali sono aree aperte, immerse nel verde e dove ognuno è il benvenuto.

Tirta Empul è uno dei tempi che più degli altri mi ha permesso di entrare a stretto contatto con la sacralità di questi posti. Facilmente raggiungibile da Ubud (circa 25 km) è molto conosciuto perché sorge intorno ad una sorgente di acqua ritenuta sacra dai balinesi.

Tutto il tempio è un tripudio di vasche, carpe, odori, statue di demoni e di divinità. Nella vasca principale l’acqua fuoriesce a getto da alcuni bocchettoni dove i fedeli si bagnano. E’ molto intenso vedere la loro gestualità ed il loro trasporto nel bagnarsi in queste acque per purificare la propria anima.

Ho avuto la fortuna di bagnarmi anche io in queste acque sacre e, anche se non credo nell’induismo, è stato un momento di serenità e di energia che difficilmente dimenticherò nella mia vita.

Visitare Bali - Tirta Empul

3. Seguire un corso di cucina a Ubud

Uno degli aspetti che mi ha sempre affascinato della cultura di un popolo è la loro dedizione alla cucina. L’arte culinaria balinese è un mix tra la cucina cinese e indiana che proprio a Ubud trova il suo punto di massima fusione. La cucina balinese è creativa e fondamentalmente si base su ingredienti come il riso, la verdura fresca, il pesce o la carne, la frutta e una miriade di spezie esotiche.

A Ubud ci sono svariati corsi di cucina che potete seguire. I corsi durano in genere un’intera giornata e partono dalla spesa al mercato fino ad arrivare alla preparazione dei piatti tipici di Bali.

Il mio piatto preferito della cucina balinese? Il Nasi Goreng, che domande! Visitare Bali - Corso di cucina

4. Fare surf e ammirare il tramonto a Kuta

Alle volte è strano pensare come il tramonto, un fenomeno così ricorrente nell’arco di ogni singolo giorno, possa suscitare un mix di emozioni in ognuno di noi. Sulla costa occidentale di Bali si trova la spiaggia di Kuta. Le onde non troppo alte e il fondale sabbioso fanno di questa spiagga la meta ideale per i surfisti alle prime armi.

Bali è il paradiso dei surfisti. Sulla spiaggia di Kuta, così come sulle altre spiagge di quest’isola, potrete prendere lezioni di surf, salire sulla tavola e cavalcare l’onda!

Quando un’alba o un tramonto non ci danno più emozioni, significa che l’anima è malata

Visitare Bali - Tramonto a Kuta

5. Assaporare l’inizio di un nuovo giorno osservando l’alba dalla vetta del vulcano Batur

Se guardare il tramonto in spiaggia potrebbe sembrarvi una cosa così scontata allora leggete bene il quinto motivo per il quale vale la pena visitare Bali.

Partire da Ubud alle 2 di notte, guidare un auto per un’ora, arrivare alle pendici del vulcano Batur, fare trekking con una torcia in mano in salita con un dislivello di 700 metri per arrivare in cima al vulcano qualche minuto prima del sorgere dell’alba è qualcosa che non posso spiegarvi con le parole.

Dovete viverlo per capire!

Visitare Bali - Alba dal vulcano Batur

 

Vede la vita come un pirotecnico gioco. Spesso si affida al caso. Passeggero della Terra.

2 Comments

Lascia un commento

Shares